Cavour e Zio Sam in lotta per il Copyright - I diritti di utilizzo sono importanti
× Business
Privati
Video
Corsi
Blog
Contatti

Cavour e Zio Sam in lotta per il Copyright

cavour zio sam
attualità in fotografia

Diritti di utilizzo in fotografia e copyright.
Sarei anche stufa di scrivere di questi temi, ma questa volta l’articolista di Repubblica ha superato se stesso descrivendo il problema come “(…) un errore che tra grafici e disegnatori è considerato grave. Usare un’immagine di Cavour realizzata ad hoc per un’altra réclame (…)”.
Insomma una bagattella tra creativi, non una violazione della legge.

Cosa dice la legge sul copyright e i diritti di utilizzo

Prendo dalla pagina web dello Studio Cataldi:
—-
La legge sul diritto d’autore, infatti, prevede agli artt. 171 segg., una serie di sanzioni che consistono nella multa e nella reclusione per i reati concernenti l’abusiva riproduzione, diffusione o duplicazione di materiali coperti da copyright.

Tali reati sono procedibili d’ufficio, senza necessità di querela da parte del titolare del diritto d’autore.

Sotto l’aspetto civilistico, la violazione del copyright può portare alla richiesta, da parte del titolare, della cessazione dell’attività illecita (che, per quanto riguarda Internet, può consistere nella rimozione dei contenuti non autorizzati) e nella richiesta del risarcimento dei danni.
—-

Ma in pratica come faccio a sapere se l’immagine è protetta?

Ok, quindi sembra grave. Ma se uno trova un’immagine su internet, poveraccio, come fa a sapere che è protetta da Copyright?
Altolà: se io vedo un mezzo di trasporto parcheggiato in strada, lasciato lì, alla mercé di tutti, come faccio a sapere se è di qualcuno.
Ecco, parti dal presupposto che sia di qualcuno, se non diversamente indicato. Infatti, i mezzi che puoi usare, liberamente o pagando una corsa o un abbonamento, sono normalmente evidenziati in modo chiaro, così come sono chiare le modalità di utilizzo. Se prendo un’auto in car sharing guiderò io, se prendo un taxi no; un tram nemmeno.


Allo stesso modo, se vedo un’immagine in rete, devo supporre che sia di qualcuno, perché le immagini orfane praticamente non esistono, per un motivo molto semplice: chi le crea ne detiene automaticamente il diritto d’autore (Copyright). Non c’è bisogno di registrarle da nessuna parte: quello al massimo serve a tutelarsi da usi illeciti e a riscuotere i diritti per usi leciti. Se invece è un’immagine che si può utilizzare, sotto certe condizioni, normalmente è ben segnalato da loghi e watermark che rimandano al sito di stock da cui si possono acquistare i diritti di utilizzo dell’immagine.

I diritti di utilizzo (che non sono i diritti d’autore, che normalmente rimangono all’autore) sono diritti che l’autore cede a terzi per l’utilizzo dell’opera del suo ingenio, in genere per qualche scopo preciso e circoscritto.

Che pasticcio è successo coi diritti di utilizzo

In questo caso è verosimile che l’autore del disegno di Cavour lo abbia fatto per conto di un’agenzia, che ha a sua volta realizzato la campagna pubblicitaria per un’azienda, e le abbia ceduto sotto compenso i diritti (probabilmente esclusivi) di utilizzo del suo disegno per la realizzazione della campagna in questione e che l’agenzia abbia a sua volta ceduto questi diritti di utilizzo all’azienda inglobandoli nel costo totale della campagna, esclusivamente per quelle campagna. Quindi con buona probabilità nemmeno l’azienda che ha commissionato l’immagine ha diritto di utilizzarla come le pare, figuriamoci Ciccio Pasticcio grafico della Regione Piemonte.

Questo a prescindere dalla “buona causa” per cui sarebbe stata realizzata la campagna della Regione. Non volere nessun compenso era certamente diritto del disegnatore, ma sarebbe stato carino… ops, legale chiedergli.

Considerazioni finali

Detto questo, non sono una fanatica dei diritti di utilizzo. Li applicassimo meticolosamente non esisterebbero i meme, si bloccherebbe una buona parte della creatività delle persone che prende immagini, le modifica, o le riutilizza in contesti molto diversi. Io stessa come immagine di copertina per questo articolo ho modificato l’immagine della campagna della Regione Piemonte per farne ironia, per altri articoli ho screenshot di film o vignette di fumetti.

Lo so che non è facile tracciare una linea netta tra il tollerabile e l’intollerabile. Ma penso che chi governa dovrebbe essere ineccepibile nel rispetto delle leggi e chi fa informazione debba informare anche nel senso di educare. Prendere un’immagine realizzata per una campagna pubblicitaria e usarla per la propria non è soltanto un “errore che tra grafici e disegnatori è considerato grave”; credo che a prescindere da dove ognuno di noi metta la sua personale linea dell’intollerabile, questo si trovi oltre.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

Lascia un commento

attualità in fotografia
Lavoro: lo stai cercando nel modo giusto?

Premetto subito che non ho nessuna esperienza nel campo risorse umane: ho uno studio fotografico e ricevo un paio di auto candidature a settimana, per cui parlo di un contesto specifico e limitato. Tuttavia credo che alcuni problemi che io riscontro nelle auto candidature e nei CV che mi arrivano, …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

attualità in fotografia
Esiste la fotografia Trogloditica?

Immagine di copertina: El Lissitzky “Клином красным бей белых!” Klinom krasnym bey belykh! Sono stata di recente alla mostra su De Chirico che c’è alla GAM di Torino e ne sono uscita con un libro sui suoi carteggi e articoli, attratta dal gusto per l’invettiva che traspirava da alcune sue …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

attualità in fotografia
scatta, sgomma, inchioda, impenna…

L’ho già detto vero che non mi piace parlare di “scatto” per indicare una fotografia? Lo so che fin dalle elementari ci hanno insegnato che non si deve ripetere troppe volte la stessa parola in un testo, che se è proprio necessario bisogna usare un sinonimo, ma è poi così …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook