× Business
Privati
Video
Corsi
Blog
Contatti

fashion vs food

editorial
Nel blog non parlo mai volentieri dei miei lavori, perché non penso che sia utile a nessuno che questo spazio diventi un canale di promozione in tal senso. Questa volta faccio un’eccezione perché è un progetto a cui tengo in modo particolare, essendo nato sotto la buona stella del “fate voi, mi fido, l’importante è che sia qualcosa che si faccia notare, di cui si parli”.
L’impavido committente è Christian Mandura, chef del ristorante Geranio di Chieri, il soggetto da fotografare erano i suoi piatti; chiaramente la questione non era né fotografarli bene, né fotografarli meglio degli altri, tantomeno farlo strano per farlo strano. La soluzione non poteva essere esclusivamente tecnica, avremmo forse catturato l’occhio ma difficilmente dato qualcosa di cui parlare, in assenza di contenuti. Ci siamo quindi chiesti come superare l’attuale presentazione dei piatti, non dal punto di vista estetico, ma sostanziale. Finora, pur avendo assistito nel corso degli ultimi venti, trent’anni ad un’evoluzione estetica nella rappresentazione del cibo, che va di pari passo con l’evoluzione dell’alta cucina, per cui si è passati dalla tavola imbandita di fine anni ’80 fino all’attuale rappresentazione estetizzante e quasi astratta del piatto, il punto centrale è sempre stata la rappresentazione del cibo: ridotto all’osso lo scopo dell’immagine è sempre stato quello di invogliare ad assaggiare il piatto facendo leva su ciò che a seconda dell’epoca poteva attrarre il cliente, il lusso, la ricercatezza, la tecnica, la sperimentazione, ma sempre presentando in maniera centrale e descrittiva il prodotto che andava consumato.
Ci siamo quindi chiesti cos’è oggi un ristorante e chi è oggi uno chef, come è percepito mediaticamente e cosa può orientare la scelta di un cliente verso un ristorante piuttosto che un altro, cercando di capire a quale altro settore si sarebbe potuto paragonare quello che è la ristorazione oggi. Ci è sembrato che uno dei paralleli più potabili fosse quello con l’alta moda: uno non decide di comprare un abito di Valentino perché ne ha visto una foto su un catalogo, ne ha apprezzato le qualità e ha pensato che potrebbe stargli bene addosso. Compra un abito di Valentino perché è un Valentino, decide prima di comprare un Valentino e poi va a scegliere quale abito in particolare. Sopra un certo livello non stai più vendendo il prodotto, stai vendendo la tua maison, le tue idee, la tua storia. Per cui, se prima viene la tua immagine e successivamente la scelta di un prodotto in concreto, la tua immagine di punta, qualunque cosa tu stia vendendo, deve assomigliare più ad un’immagine di moda che ad una di catalogo.
Per cui abbiamo deciso di tagliare la testa al toro, dimenticarci di tutto quello che sappiamo sulle foto di food e ci siamo messi a ragionare come se dovessimo realizzare un fashion editorial, siamo partiti da un moodboard, abbiamo pensato alla location e ai props e a conciliare il tutto con la presenza di un piatto, che chiaramente non sarebbe stato il centro dell’interesse, così come non lo sarebbe stato il vestito. Abbiamo pensato ad un’atmosfera da gangster e da film noir, ci è venuta in mente l’estetica di Weegee con il flash sparato e le sue ombre dure, una situazione equivoca tra donne, automobili, fotografie e ovviamente cibo, con un fil rouge che attraversa le cinque immagini, partendo e tornando in cucina.
Il progetto è piaciuto, siamo motivati a continuare, speriamo presto di farvi vedere altri lavori su questa linea.   

Nessun commento

Lascia un commento

cibo
Mangia che diventa freddo!

(Foto di copertina dall’articolo online de La Stampa, link nel testo) E’ di qualche giorno fa la notizia che Enrico Crippa, chef del ristorante Piazza Duomo di Alba, tre stelle Michelin, ha ottenuto il Grand Prix de l’Art de la Cuisine. A Enrico Crippa vanno ovviamente le nostre congratulazioni. Non …

arte
gli studenti e i pornogattini

E’ di questi giorni la notizia che un gruppo di mutandari organizzato,  ha giudicato oscene le nudità esposte in una mostra al Campus Einaudi. Non so se “oscene” è la parola utilizzata dai detrattori o se è quella riportata dai giornalisti, in ogni caso il concetto è chiaro: piselli e bagiane …

food
Preferisci il pollo o la spugna?

(In copertina la mia interpretazione de “La Spugna”, un piatto da veri gourmet! Scattata con una Nikon D800 su cavalletto, illuminata in light painting con un i-pad; unica modifica in post +1,65 di esposizione) Annoso problema quello di fotografare del cibo e non farlo sembrare della sbobba per i maiali, soprattutto …