× Business
Privati
Video
Corsi
Blog
Contatti

Posare per credere…

book

Riprendiamo dal post precedente in cui si narrava la repulsione dei clienti a fare delle foto “in posa” a discapito della naturalezza e della spontaneità, soprattutto quando si tratta di foto di famiglia o di bambini. Salvo poi indicarmi un paio di foto che ho appese in studio e dirmi: “ecco, spontanee, come quelle lì”.
Manco a dirlo, sono foto in posa.
Il fatto è che il cliente con “foto in posa” credo intenda qualcosa tipo la foto qui a destra, che comprensibilmente fa paura solo a pensarci.
(Il sito awkwardfamilyphotos comunque ve lo consiglio, nei momenti tristi può risolvervi la giornata).
Mentre io con foto in posa ho in mente quella del bimbo qui sotto.
Ovvio, che è “in posa”: pensate forse che lasci scorrazzare i bambini sul set  come dei mosconi impazziti? Non ne caverei nulla di buono, almeno non in un tempo ragionevole.
Ma lui non sa di essere in posa e per questo la foto è simpatica e naturale.

il piccolo Simone è in posa
Come si fa a mettere in posa una persona senza che si accorga di essere messa in posa? E soprattutto senza che se ne accorga chi guarda la foto? 
Immaginate di essere in uno studio fotografico.

In una stanza vuota con le luci puntate addosso e un fondale neutro il nostro soggetto sicuramente ci chiederà cosa deve fare e non possiamo lasciarlo in balia di sé stesso dicendogli di fare qualcosa, quello che vuole e sperare di trovare lo scatto giusto: dobbiamo dare delle indicazioni semplici, chiare che sia in grado di eseguire.

Devono ovviamente essere adatte al tipo di scatto che vogliamo realizzare e alla persona che abbiamo di fronte. 
Se stiamo lavorando con un modello o modella professionista per realizzare delle immagini pubblicitarie, di moda, per un look-book o un catalogo ci aspettiamo ovviamente che sappia eseguire correttamente un certo numero di pose e capire tutte le nostre indicazioni, per cui possiamo guidarlo in modo che faccia esattamente quello che vogliamo.

Francesco Gargiulo – attore

Se stiamo scattando un test o un book per un aspirante modello o modella dovremo invece spiegar loro quali sono le pose che è necessario eseguire e come eseguirle senza errori, trovando delle alternative qualora si trovino in grossa difficoltà.

Se non stiamo fotografando né un modello, né un aspirante tale, ma qualcuno che ha bisogno di una
foto per il curriculum, il profilo Linkedin, la pagina web della propria impresa, un ritratto familiare, un book per ragazzi o bambini, dobbiamo capire quello che il soggetto è in grado di fare, fin dove può seguirci e guidarlo. 

Io normalmente procedo così: inizio con un’indicazione semplice e non troppo precisa, tipo “stai in piedi con il piede sinistro un po’ più avanti”. In questo modo il soggetto inizia ad eseguire un ordine e si sente guidato; soprattutto è una richiesta semplice e riesce a metterla in pratica. Su come mettere le mani, da che parte guardare, se inclinare la testa e tutto quello che non ho specificato, farà come si sente più a suo agio, risultando quindi naturale.

A questo punto cerco di identificare cosa non funziona: spesso sono le mani o l’inclinazione della testa. Per comunicare come deve modificare la propria posa, mi metto davanti a lui come se fossimo allo specchio e inizio a modificare una cosa per volta partendo dai punti più problematici.

Se la persona mi segue e cambia posa restando sciolto procedo ad affinare, se invece si irrigidisce diventando impacciato e poco credibile uso lo stesso metodo che uso per i bambini: faccio compiere più volte lo stesso gesto e prendo una serie di istantanee.

Se guardate la foto di Francesco, non direste assolutamente che è in posa, visto che semplicemente tiene le mani in tasca, in un gesto molto naturale e normale. Infatti come prima cosa gli ho chiesto di stare in piedi con le mani in tasca. Se però non avessi curato alcuni dettagli facendogli migliorare la posa, la foto avrebbe avuto un certo numero di problemi. Il fatto che non sia perfettamente frontale, che abbia la gambe leggermente divaricate con la destra un po’ più avanti, che il braccio sinistro sia staccato dal corpo, la mano in tasca che spunta appena dalla manica e la testa lievemente inclinata a sinistra, può sfuggire o sembrare irrilevante, ma non lo è affatto. Sono le piccole differenze tra una foto dove il soggetto risulta comunicativo e cool e quella in cui sembra un salame.

Nessun commento

Lascia un commento

howto
Come fare non fare

Tutte le foto belle si somigliano; ogni foto brutta è invece disgraziata a modo suo.  (Lev Tolstoj) Mi rendo conto che spesso nei post del blog tendo a fustigare vizi, piuttosto che lodare virtù. Il problema è che dire cosa bisogna fare per fare una buona foto non è facile, …

autore
Non vendere l’anima al fotografo

(Foto di copertina di Richard Avedon) Mi capita che quando qualcuno mi vuole fare un complimento per un ritratto particolarmente ben riuscito mi dica che sono riuscita a catturare l’anima della persona ritratta. Se fosse così dovrei possedere una collezione di anime, mentre, che io mi ricordi, solo un faustiano …

catch light
cos’è una catch light e cosa farsene

(Foto di copertina: il Comandante Oscar François de Jarjayes) Ci sono molti modi in cui possiamo eseguire male un ritratto, forse molti di più dei modi in cui lo possiamo fare bene. Premesso questo non credo ci siano molte istruzioni in senso positivo su come fare (alcune le do qui …