La “Project Experience”, il nostro Ritratto Fine Art – Blog di una Fotografa a bassa riflettanza
× Business
Privati
Video
Corsi
Blog
Contatti
fotografia fine art
Cose che i clienti dovrebbero sapere

Lo so che sembra un’auto-marchetta per parlarvi della Project Experience, ma in realtà vi racconto anche come nasce un ritratto nel nostro studio.

Approcci al servizio fotografico

Nel concetto stesso di “servizio fotografico” si suppone una certa servizievole subordinazione del fotografo alle esigenze del cliente.
Restando nell’ambito della fotografia di ritratto, possiamo identificare grossomodo tre livelli di subordinazione in cui il fotografo si può identificare:

1) Non ho uno stile mio: mi butto su cosa va di moda cercando di realizzarlo nel modo più piacione possibile.

2) Ho un mio stile e un mio portfolio: lascio comunque decidere al cliente in quali tra le immagini da me proposte si riconosce maggiormente.

3) Io sono un artista, non un semplice fotografo: sono creativo decido io come fotografare chi mi passa tra le grinfie.

Chiaramente il nostro studio ha scelto la seconda opzione, altrimenti non avrei connotato le altre in modo così caustico. Ciò non toglie che la prima sia una strategia commerciale più che legittima e che esista effettivamente qualcuno che può permettersi il terzo approccio.

Come lavoriamo in studio

Più seriamente, vi spiego come lavoro con il cliente che vuole farsi ritrarre.
Innanzitutto gli faccio visualizzare il mio portfolio: se non gli piace dovrebbe scappare subito, anche se gli sono stata consigliata da un amico fraterno, altrimenti entriamo solamente in una valle di lacrime e dolore.
Se invece apprezza, cerchiamo di capire insieme non tanto le foto che gli piacciono di più, ma quelle in cui si vedrebbe meglio, analizzando per ognuna quali sono gli elementi che preferisce e quelli che lo convincono meno.
A quel punto sono in grado di elaborare delle proposte, di fargliele pre-visualizzare il più possibile anche attraverso delle mood board e sono anche sicura di poter realizzare quanto promesso, per il semplice motivo che si tratta di una variazione di una foto che ho già fatto.
Intendiamoci, l’immagine risultante può apparire molto diversa, e questo è un bene, ma la parte tecnica ripercorre qualcosa di già realizzato.
E non può che essere così, perché venderei la pelle dell’orso prima di averlo catturato se proponessi una fotografia che magari ho idea di come si possa realizzare ma che onestamente non ho mai provato a fare.

Come non fossilizzarsi

Mi limitassi a questo continuerei a rimestare nella stessa casseruola e non renderei un buon servizio ai miei clienti.
Per fortuna ho un pool di volontari pronti ad immolarsi per ogni mio esperimento fotografico e a testare come cavie ogni nuova attrezzatura varchi la soglia del mio studio: è da qui che inietto nuovo carburante nel portfolio.

Ma non tutto quello che si produce in queste sessioni finisce nel portfolio. Qualcosa finisce direttamente in pattumiera, come per ogni esperimento che si rispetti. Qualcosa lo metto nel mio portfolio, ma separato dalle proposte per i clienti, semplicemente perché ha delle caratteristiche difficilmente ripetibili. Può essere perché funziona soltanto con un tipo specifico di fisionomia, perché è di difficile realizzazione e richiederebbe troppo tempo in sala pose senza la certezza del risultato, perché è frutto di un istante fortuito e mille altri motivi che non lo rendono commercialmente proponibile.

Qui entra in gioco l’idea di “Fine Art”

Di qui nasce la proposta “Project Experience” che effettivamente significa che, come nel punto 3, una volta tra le mie grinfie uno si becca cosa avevo in mente, che magari non funziona, ma nel frattempo ne ho pensata un’altra e gli tocca provare pure quella.
Può sembrare crudele ma è l’unico modo di procedere che conosco per ottenere un certo tipo di immagini, quelle che oggi vanno sotto il nome di “Ritratto Fine Art”, che spesso sono le più interessanti.
Dato che non ho la velleità di definirmi artista, né ho un critico che converta in oro ogni mia porcata, sono pronta ad accettare il fallimento: se la foto non ci piace, finisce con una stretta di mano e nulla è dovuto.

Se ti è piaciuto questo articolo,  qui ce ne sono altri su argomenti che ti potrebbero interessare:

-Ma cos’è un ritratto fine art?

– Lo stile nel ritratto

La necessità di posare senza temere di perdere spontaneità

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

Lascia un commento

cavour zio sam
Cose che i clienti dovrebbero sapere
Cavour e Zio Sam in lotta per il Copyright

Sarei anche stufa di scrivere di questi temi, ma questa volta l’articolista di Repubblica ha superato se stesso descrivendo il problema come “(…) un errore che tra grafici e disegnatori è considerato grave. Usare un’immagine di Cavour realizzata ad hoc per un’altra réclame (…)”. Insomma una bagattella tra creativi, non …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

Royal Family by Mario Testino
Cose che i clienti dovrebbero sapere
La fotografia di famiglia nel nuovo millenio

L’immagine di copertina rappresenta la Famiglia Reale Britannica fotografata da Mario Testino. Forse non è il tipo di fotografia che avevate in mente per la vostra famiglia, ma mai dire mai! Per il resto possiamo chiederci se per una famiglia che non abbia obblighi di rappresentanza, abbia un senso oggi …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

fine art
Come se la passa la fotografia
Ritratto fine art in fotografia

Tutti ne parlano, tutti lo vogliono, tutti lo vendono (ahi!), ma che cos’è un ritratto fotografico fine art? Premetto che l’ho scoperto col tempo, perché quando ho studiato fotografia non se ne parlava proprio, per cui è necessario un passo indietro. Quando da adolescente ero ancora presa bene per la …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook