I rischi da stock – blog di una fotografa extradimensionale
× Business
Privati
Video
Corsi
Blog
Contatti
Cose che i clienti dovrebbero sapere
Del “Fertility Day” si è già parlato a sufficienza, qui vorrei spendere due parole sull’utilizzo della fotografia di stock.
Innanzitutto spiegare brevemente di cosa si tratta e di come può succedere che una foto sia usata per una pubblicità di impianti dentali, per quella di un tour operator e per una campagna ministeriale.
Le fotografie di stock sono immagini realizzate per venderne i diritti di utilizzo più volte a più clienti, ad un prezzo molto inferiore rispetto rispetto ad un’immagine che viene venduta in esclusiva ad un solo cliente, a sua volta comunque inferiore rispetto al farsi realizzare delle foto ad hoc da utilizzare in esclusiva.
Il cliente fa quindi ricorso alla fotografia di stock per risparmiare. Il fotografo dal canto suo, riesce a guadagnare dalla fotografia di stock se riesce a vendere un’immagine a più persone possibili; è quindi suo interesse realizzare una fotografia che possa accontentare il maggior numero di persone, essere sufficientemente generica, sia per estetica che per contenuti in modo da potersi adattare ai bisogni di più clienti possibili.
Non è sorprendente che una campagna realizzata partendo da foto di stock finisca col riproporci i luoghi comuni più triti e ritriti, proprio perché è un tipo di fotografia che si nutre dell’immaginario più mediocre e diffuso.
Per lo stesso motivo non può essere incisiva e impattante, se non quando il luogo comune e il pregiudizio ci irritano, proprio perché non ha le potenzialità per farci vedere le cose da un punto di vista diverso, essendo un distillato di ciò che può incontrare il gusto di una massa umana non particolarmente esigente.
Per questo motivo una campagna fatta con foto di stock non riuscirà mai ad essere focalizzata e coerente, perché trovare in stock proprio l’immagine adatta a quello che si intende comunicare è molto difficile, data la natura generica delle immagini stesse. Allo stesso tempo, esiste di fatto uno stile identificabile come fotografia di stock: questo da un lato è utile perché, in caso contrario, prendendo immagini scattate da fotografi diversi si otterrebbe una campagna visivamente non coerente (che comunque è difficile ottenere con la stock), dall’altro perché vendendo ogni immagine al singolo cliente per pochi euro, il fotografo riesce a guadagnarci se ne realizza a migliaia e se non ci spende molto tempo su ognuna, per cui è ragionevole che utilizzi sempre la stessa illuminazione molto piatta e molto semplice da gestire.
Pertanto se una campagna è realizzata a colpi di fotografia di stock, sarà sicuramente identificabile come tale, con l’aggravante che da quando i motori di ricerca sono in grado di fare la ricerca per immagini, è molto facile risalire a tutti gli altri clienti che hanno utilizzato la stessa foto, spesso con effetti e accostamenti che si preferirebbe evitare.
Nessun commento

Lascia un commento

cavour zio sam
Cose che i clienti dovrebbero sapere
Cavour e Zio Sam in lotta per il Copyright

Sarei anche stufa di scrivere di questi temi, ma questa volta l’articolista di Repubblica ha superato se stesso descrivendo il problema come “(…) un errore che tra grafici e disegnatori è considerato grave. Usare un’immagine di Cavour realizzata ad hoc per un’altra réclame (…)”. Insomma una bagattella tra creativi, non …

Royal Family by Mario Testino
Cose che i clienti dovrebbero sapere
La fotografia di famiglia nel nuovo millenio

L’immagine di copertina rappresenta la Famiglia Reale Britannica fotografata da Mario Testino. Forse non è il tipo di fotografia che avevate in mente per la vostra famiglia, ma mai dire mai! La simpaticissima famiglia di Lucia è stata di tutt’altro avviso e si è portata a casa un’immagine Royal-Punk firmata …

fine art
Come se la passa la fotografia
Ritratto fine art in fotografia

Tutti ne parlano, tutti lo vogliono, tutti lo vendono (ahi!), ma che cos’è un ritratto fotografico fine art? Premetto che l’ho scoperto col tempo, perché quando ho studiato fotografia non se ne parlava proprio, per cui è necessario un passo indietro. Quando da adolescente ero ancora presa bene per la …