Emozionami con la tua creatività e sarà una piacevole sorpresa – blog di una fotografa extradimensionale
× Business
Privati
Video
Corsi
Blog
Contatti

Emozionami con la tua creatività e sarà una piacevole sorpresa

Come se la passa la fotografia

Lo so che man mano che invecchio peggioro e sviluppo sempre più idiosincrasie lessicali che non fanno che peggiorare il mio disgustismo (dopo il successo di “petaloso” concedetemi di introdurre “disgustismo” e nonostante questo continuare a criticare il lessico altrui), ma “emozione” e “creatività” (lasciamo per ora alla ristorazione l’esclusiva della “piacevole sorpresa”) stanno decisamente sbrodolando fuori da un ambito di utilizzo sano ed appropriato. Pochi minuti fa mi è comparsa la pubblicità di non so quale rivista di fotografia che proponeva i “cinque trucchi per liberare la tua creatività”, o qualcosa di simile.

Uno dei trucchi per la liberazione, apparentemente era più o meno il mix di canali in Photoshop che vedete qui sopra; figo eh? Certamente, se uno non l’ha mai visto magari gli sembrerà pure originale e forse quest’immagine riuscirà anche a catturare il suo interesse. Ma poi? È come mettersi ad urlare in mezzo alla strada e una volta che si è riusciti ad attirare l’attenzione di un capannello di gente, non aver nulla da dire ed iniziare a giochicchiare col telefono o chiedere semplicemente se qualcuno ha da accendere. Non credo che la prenderebbero bene: se uno strilla ci si aspetta abbia qualcosa di più importante da comunicare.
Come dice la parola stessa, essere creativi significa saper creare, oppure, in termini più umani, fare qualcosa che prima non c’era o se c’era non veniva fatto in quel modo. Chiaramente delle tecniche di Photoshop o di ripresa note a tutti e divulgate attraverso una rivista non sono qualcosa di nuovo, di conseguenza da sole non sono qualcosa di creativo, sono soltanto fumo negli occhi per chi è inesperto e ci vede una novità, un’idea originale. Il trucco può anche riuscire, ma è un po’ come andare ad offrire perline di plastica in cambio di terreni a chi non conosce né il valore della terra, né ha mai visto delle perline di plastica.

Alla fine il “dillo con parole tue” è il miglior consiglio, per raggiungere il massimo della creatività a cui ciascuno di noi può ragionevolmente ambire. Le “parole tue”, siano parole in senso stretto o parole di un linguaggio visivo, hanno il grande vantaggio di essere tue e non di altri. Certamente tutto quello a cui veniamo esposti ci ispira e ci contamina, ma le “parole tue” sono necessariamente passate attraverso un processo di digestione ed elaborazione personale; più questo processo interiore si discosta da quello degli altri, più il risultato sarà originale. Ciò non significa che non si debbano imparare anche questi trucchetti (o tecniche, se li vogliamo nobilitare), magari prima o poi tornano utili, magari c’è la volta che questo look lisergico è proprio quello che ci vuole per sottolineare il messaggio della nostra foto, ma farlo solo per stupire non ci porta molto lontani, tantomeno ci rende creativi.
Nessun commento

Lascia un commento

fotografia fine art
Come se la passa la fotografia
Cos’è un ritratto fotografico fine art?

Esiste in fotografia qualcosa di universalmente riconosciuto come “ritratto fine art” o è solo una strategia commerciale?

Come se la passa la fotografia
Esiste la fotografia Trogloditica?

Immagine di copertina: El Lissitzky “Клином красным бей белых!” Klinom krasnym bey belykh! Sono stata di recente alla mostra su De Chirico che c’è alla GAM di Torino e ne sono uscita con un libro sui suoi carteggi e articoli, attratta dal gusto per l’invettiva che traspirava da alcune sue …

Come se la passa la fotografia
scatta, sgomma, inchioda, impenna…

L’ho già detto vero che non mi piace parlare di “scatto” per indicare una fotografia? Lo so che fin dalle elementari ci hanno insegnato che non si deve ripetere troppe volte la stessa parola in un testo, che se è proprio necessario bisogna usare un sinonimo, ma è poi così …