Ma io in foto vengo male… – Blog di una Fotografa a bassa riflettanza
× Business
Privati
Video
Corsi
Blog
Contatti

Ma io in foto vengo male…

Cose che i clienti dovrebbero sapere
Venite male in foto? Vi do una brutta notizia: non è che venite male, siete proprio così!

Scherzo, ovviamente non è vero. Ma c’è effettivamente chi viene meglio e chi viene peggio e, a parte ovviamente modelli e modelle professionisti che hanno imparato a posare, ha qualcosa a che fare col modo di muoversi e di atteggiarsi di una persona. Salvo casi rari e a volte sorprendenti, sia in meglio che in peggio, normalmente indovino se una persona sarà un soggetto facile o un osso duro facendoci semplicemente due parole.

Facciamo però un passo indietro.
Spesso diagnosticate di venir male in foto guardando delle foto delle vacanze o delle foto di una festa fatte da qualche amico dove oltre a voi ci sono molte altre persone. Per capire cosa sia andato storto, prendete un film con il vostro attore preferito e fate un fermo immagine in un momento a caso. Sicuramente avrà una faccia scema. Ripartite e fate un secondo fermo immagine: non credo andrà meglio del precedente. Eppure nel film sembrava un figo, mentre i fermo immagine sono uno peggio dell’altro.
Questo vale anche per voi: la vostra esistenza fluisce come un film, ma se chi fa la foto scatta in un momento a caso senza badare troppo a voi l’effetto è lo stesso di un fotogramma del film e l’esperimento di prima ci ha dimostrato che ci sono più fotogrammi inguardabili che fotogrammi buoni.
Per questo motivo è molto difficile scattare foto ad un gruppo di persone in azione: se anche si coglie l’attimo giusto per qualcuno, difficilmente lo sarà anche per gli altri. Se poi manca anche questa premessa e si scatta senza badare a nessuno, verranno semplicemente tutti male, ma voi potreste comunque essere venuti peggio. Ad aggravare la situazione ci si mette anche il fatto che se si scatta con un apparecchio che non ha l’otturatore (tipo un telefono o una compattina) non si scatta in tempo reale, ma c’è un ritardo che aumenta in carenza di luce: in queste condizioni nemmeno un buon fotografo potrebbe cogliere l’attimo giusto.
Ma voi potreste venire male anche da soli e da fermi. Il motivo c’è: non siete veramente fermi perché dato che venite male in foto, non vedete l’ora che la cosa sia finita e attendete soltanto di sentire il “click” per fuggire lontano. E’ un problema che si palesa sempre nelle classiche due o tre foto a cerimonia finita degli sposi coi genitori, poi coi testimoni, poi con la zia che-se-non-c’è-scoppia-un-casino. C’è tempo e comunque ci si mettono solo pochi secondi; ma niente da fare sono tutti frenetici perché si deve fare in fretta e proprio per questo non si fa in fretta.
Quindi o riuscite a scappare prima o se siete in ballo ballate e non scappate mentre vi si sta fotografando, sarà solo peggio.

Potrebbe anche andare peggio: siete da soli, siete anche disposti a stare fermi e qualunque cosa facciate, comunque venite male. Sicuramente vi manca l’allure che è certamente un dono ma si può coltivare, per esempio passando ore davanti allo specchio a studiare quali sono le posizioni e le espressioni che più vi donano. Vi sembra tempo sprecato? Probabilmente lo è, a meno che non vogliate lavorare come fotomodelli, ci sono effettivamente dei modi più edificanti di passare il proprio tempo libero. Ma qui torniamo alla brutta notizia con cui ho aperto l’articolo: se non avete l’allure non ce l’avete in foto così come non ce l’avete nella vita reale.
Certo, la foto evidenzia solo questo e non quanto siate delle persone simpatiche, intelligenti e interessanti: voi non siete la vostra foto, siete molto di più. Ma mentre guardate la foto questo non vi consola.

Se nonostante tutto continuate ad essere convinti di venir male in foto, un buon professionista vi può aiutare. E parlo del fotografo, non dello psicoanalista.

Vuoi sapere come lavoriamo in studio durante una sessione fotografica?
Visita la nostra pagina dove sono descritti tutti i servizi:

plastikwombat.com

Qui altri articoli che ti potrebbero interessare

Essere se stessi, spesso basta per essere cool

– La necessità di posare senza temere di perdere spontaneità

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

Lascia un commento

cavour zio sam
Cose che i clienti dovrebbero sapere
Cavour e Zio Sam in lotta per il Copyright

Sarei anche stufa di scrivere di questi temi, ma questa volta l’articolista di Repubblica ha superato se stesso descrivendo il problema come “(…) un errore che tra grafici e disegnatori è considerato grave. Usare un’immagine di Cavour realizzata ad hoc per un’altra réclame (…)”. Insomma una bagattella tra creativi, non …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

Royal Family by Mario Testino
Cose che i clienti dovrebbero sapere
La fotografia di famiglia nel nuovo millenio

L’immagine di copertina rappresenta la Famiglia Reale Britannica fotografata da Mario Testino. Forse non è il tipo di fotografia che avevate in mente per la vostra famiglia, ma mai dire mai! Per il resto possiamo chiederci se per una famiglia che non abbia obblighi di rappresentanza, abbia un senso oggi …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

fine art
Come se la passa la fotografia
Ritratto fine art in fotografia

Tutti ne parlano, tutti lo vogliono, tutti lo vendono (ahi!), ma che cos’è un ritratto fotografico fine art? Premetto che l’ho scoperto col tempo, perché quando ho studiato fotografia non se ne parlava proprio, per cui è necessario un passo indietro. Quando da adolescente ero ancora presa bene per la …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook