Newborn, Maternity, Family, Boudoir: nuovi termini o nuove esigenze? -
× Business
Privati
Video
Corsi
Blog
Contatti

Newborn, Maternity, Family, Boudoir: nuovi termini o nuove esigenze?

boudoir
Come funziona uno studio fotografico

Ormai ci siamo abituati a sentir parlare di fotografia Newborn, Maternity, Family, Boudoir, tanto che mi capita spesso di sentirmi chiedere se faccio questo tipo di servizi.
La domanda è legittima perché basta digitare su Google uno di questi termini seguito da “Photography” ed escono migliaia di fotografie di altrettante migliaia di autori.
Ma, in pratica, di cosa si tratta?

Specializzazione o comunicazione?

Prima di rispondere vorrei fare un passo indietro, mettendomi dalla prospettiva del cliente. Prendiamo, per esempio, una donna che aspetta un bambino e vorrebbe un servizio fotografico per ricordare questo momento importante della sua vita.
Forse ha già idea di cosa le piacerebbe, oppure no e sta navigando su internet alla ricerca di spunti e possibilmente di un fotografo.
È molto probabile che la sua ricerca comprenda, oltre a “fotografia/fotografo/studio fotografico” anche “gravidanza/pregnancy/maternity” e questo la indirizzerà verso un prodotto molto preciso. Ma è anche il prodotto che voleva?

Iniziamo da qualcosa che conosciamo

Per darci una risposta supponiamo di voler acquistare un libro e non un servizio fotografico, esperienza che sicuramente ci è molto più comune.

Se abbiamo voglia di leggere un romanzo che tratta di un delitto, andremo in una libreria che abbia i libri organizzati in generi e dirigerci verso lo scaffale dei gialli. Dobbiamo però essere consapevoli che ci troveremo probabilmente libri di Agatha Christie e Arthur Conan Doyle, ma non “Il nome della rosa” o “Delitto e Castigo”.
Di fatto sono anche questi dei gialli, ma giustamente né Eco, né Dostoevskij sono catalogati come autori di romanzi gialli.
Al contrario, se abbiamo in mente degli autori che ci piacciono o che ci sono stati consigliati, possiamo andare da un libraio preparato e chiedergli se tra le loro opere ce n’è qualcuna a tema criminale. Anche in questo caso ci scapperà il morto ma non è tra le nostre aspettative che il romanzo aderisca rigidamente alla struttura e agli stilemi che caratterizzano i gialli.

Ritornando alla nostra futura mamma: con la sua ricerca su Google finirà dritta nell’equivalente fotografico dello scaffale dei libri gialli. Un prodotto molto ben codificato con diversi elementi fortemente caratterizzanti che si ritrovano quasi immutati di autore in autore.
Se quello che cercava sono proprio quei tratti caratteristici che accomunano le proposte fotografiche di chi si dichiara specializzato in “gravidanza/pregnancy/maternity” ha effettivamente trovato quello che voleva.

newborn

C’è vita oltre la fotografia di genere?

Ora che abbiamo capito di cosa si tratta quando sentiamo parlare di Newborn, Pregnancy, Family, Boudoir torniamo alle altre due domande, che erano se io come fotografa me ne occupo e soprattutto se la signora ha effettivamente trovato cosa stava cercando.

Io mi occupo di ritrattistica e la approccio come un dialogo tra fotografo e soggetto, nutrito dalle rispettive personalità. Pertanto, una donna incinta è per me innanzitutto quella particolare persona con cui entro in un certo tipo di rapporto e il fatto che aspetti un bambino è un elemento importante della sua vita ma non per questo la omologa a tutte le altre donne in dolce attesa. Per cui, come sarà alla fine la sua foto col pancione lo decideremo e in qualche modo lo scopriremo insieme.
Per questo non mi dichiaro fotografa di gravidanza o newborn, boudoir, famiglie e via discorrendo, pur fotografando donne incinte, bimbi, famiglie e lingerie.

Se la signora cercava me, difficilmente con quelle chiavi di ricerca mi troverà, ma magari capiterà su questo articolo, che spero sia anche stato utile ad orientare chi sta cercando un fotografo per uno di questi servizi.

Ti potrebbero interessare:

La fotografia di famiglia al giorno d’oggi

La fotografia glamour: cosa crediamo che sia e cos’è veramente

Soprattutto non perderti il nostro pezzo forte:

Un servizio fotografico in studio: sai quello che dovresti sapere?

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Come funziona uno studio fotografico
Il ritratto fotografico

Cos’è un ritratto fotografico Per non sbagliare, iniziamo cercando “ritratto” e “fotografico” su un dizionario. ritratto [ri-tràt-to] (part. pass. di ritràrre)s.m.  Opera d’arte figurativa che riproduce in parte o interamente la figura umana. (Fonte: Dizionario Hoepli) fotografico [fo-to-grà-fi-co] agg. (pl. m. -ci; f. -ca, pl. -che)Concernente la fotografia: studio, apparecchio f. Che è ottenuto per mezzo …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

servizio fotografico
Come funziona uno studio fotografico
Un servizio fotografico in studio: sai quello che dovresti sapere?

Le 10 risposte che vi servono per le 10 domande che più frequentemente ci vengono rivolte dai clienti in studio

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook

fotografia famiglia
Come funziona uno studio fotografico
La fotografia di famiglia nel nuovo millenio

Per una famiglia che non abbia obblighi di rappresentanza, ha senso oggi entrare in uno studio fotografico?
Certo che sì: vediamo i perché.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con Facebook